Laboratorio famiglia 2008

 Denominazione del progetto LABORATORIO FAMIGLIA
La finalità dell’iniziativa è di promuovere lo sviluppo dell’Associazione attraverso la formazione e l’acquisizione di conoscenze e competenze che i volontari dell’Associazione “Il glicine” potranno applicare nel sostegno e promozione della famiglia.
Inoltre la realizzazione di un ciclo di eventi culturali favorirà la conoscenza dell’associazione sul territorio e la possibilità di ampliare il bacino d’utenza e le famiglie coinvolte attivamente nell’ associazione.
Il progetto si rivolge alle famiglie residenti sul territorio di San Lazzaro e intende promuovere e sostenere azioni di informazione, conoscenza, aggregazione e sviluppo delle famiglie in oggetto con attenzione alle dinamiche derivanti dalla complessità quotidiana, dal lavoro di cura, dalla precarietà occupazionale, dalla disabilità, dall’intercultura
Il progetto si svilupperà attraverso due tipi di percorso:

un gruppo di incontri tematici informativi incentrati sul ciclo vitale della famiglia
un gruppo di incontri laboratorio dove, la lettura animata/drammatizzata di brevi testi sulla relazione in famiglia fungerà da pretesto per l’attivazione di uno scambio di vedute e promuoverà la conoscenza /socializzazione dei nuclei familiari presenti.

 

RUOLO all’interno del progetto del volontariato

Progettazione e preparazione incontri pubblici, pubblicizzazione attività, segreteria iscrizioni e informazioni. Animazione per i bambini durante gli incontri con i genitori. Sostegno alla partecipazione dei soggetti più deboli. Attività di coordinamento e promozione del progetto. Relazioni con gli enti pubblici per il supporto al progetto e per l’utilizzo di spazi e di attrezzature tecniche. Relazioni con altre realtà del territorio

Azione 1 _ Serie di 5 incontri tematici rivolti alle famiglie, relativi al normale ciclo vitale della famiglia

Modalità di erogazione e di accesso del servizio, attività di supporto e connessione con altri settori, Centri di servizio, altri soggetti:

I volontari dell’associazione individueranno i docenti e organizzeranno insieme a loro i laboratori, si occuperanno inoltre dell’ideazione del messaggio promozionale, della realizzazione del depliant e della locandina usufruendo del servizio diretto di consulenza grafica di Volabo, e della sua diffusione sul territorio.
Realizzazione di 5 incontri pomeridiani o serali della durata di 3 ore presso sedi pubbliche del Comune di San Lazzaro in collaborazione con le istituzioni locali, con altre associazioni, centri territoriali e gruppi di volontariato, con il Centro servizi VOLABO e con il Punto di Contatto e animazione di S.Lazzaro
Ogni incontro sarà fornito di servizio di baby sitter gestito da alcuni volontari dell’associazione, e in emergenza in mancanza di volontari, è previsto il pagamento del servizio per soli due incontri.

La formazione della coppia->matrimonio o convivenza ->aspetti sociali ->aspetti relazionali ->aspetti economici

Compiti di sviluppo: creazione responsabile di un nuovo microsistema

La famiglia con figlio-> modificazione della relazione di coppia
->rapporti con i nonni, ->ridefinizione dei rapporti con gli amici ->accesso all’istituzione.
Compiti di sviluppo: ridefinizione delle priorità personali, consolidamento nuovi equilibri, accoglienza, trasmissione di valori e principi.
La famiglia con figli adolescenti e post adolescenti->ridefinizione della relazione genitoriale ->gestione del conflitto con i figli->crisi del “nido vuoto”
Compiti di sviluppo: ascolto attivo, confronto fra genitori, incremento dell’autonomia.
La famiglia anziana->gestione della solitudine ->accettazione dei propri limiti->ridefinizione del rapporto con i figli->rapporti con l’istituzione
Compiti di sviluppo: restituzione dell’accudimento ricevuto e promozione della memoria di famiglia
La famiglia in crisi->la separazione della coppia-> il conflitto->rielaborazione del lutto->comunicazione con i figli->ridefinizione dei legami e delle relazioni familiari.
Compiti di sviluppo: superamento del conflitto a salvaguardia della genitorialità.

Tipologia delle risorse umane impiegate e loro ruolo:
1 Esperto a contratto per ogni incontro, da individuare in base alla tematica e alle disponibilità tra le seguenti figure professionali: psicologo, pedagogista, mediatore familiare, assistente sociale, tecnico della comunicazione, educatore.
1 esperto reperito dall’associazione e messo a disposizione gratuitamente dal Centro per le famiglie G.P. Dore per un incontro.
1 esperto reperito dall’associazione e messo a disposizione gratuitamente dalla Rete Vicariale delle Famiglie per due incontri.
2 volontari del glicine per la progettazione, il coordinamento, preparazione, la pubblicizzazione e la segreteria iscrizioni e informazioni
2 volontari del glicine per il servizio di baby sitting
1 baby-sitter a pagamento per due incontri (per coprire in emergenza eventuali assenze di volontari)
Servizio diretto consulenza grafica Volabo per la realizzazione di volantino e locandina promozionale degli eventi

Tipologia degli eventuali prodotti previsti:

Depliant e locandine promozionali del ciclo di eventi con informazioni circa i luoghi, le date e gli argomenti degli incontri
Dispense degli incontri.

Azione 2 _

Serie di incontri di tipo laboratoriale con lettura/drammatizzazione di testi inerenti alle relazioni familiari
Realizzazione dei 3 incontri pomeridiani o serali della durata di 3 ore presso sedi pubbliche del Comune di San Lazzaro. Ogni incontro sarà fornito di servizio di baby sitting gestito da alcuni volontari dell’associazione, e in emergenza in mancanza di volontari, è previsto il pagamento del servizio per soli due incontri se non già utilizzato nell’azione 1.

Temi degli incontri:

“Donne sull’orlo di una crisi di nervi”-> compiti e disavventure delle donne lavoratrici madri e mogli nella società tra sviluppo e tradizione .
“Vado a vivere da solo” ->autonomia e dipendenza ,precarietà e progettualità, ideali e falsi miti dei figli adolescenti.
“Dieci giorni senza PlayStation”-> la ricerca dell’autorevolezza e della coerenza nell’educazione dei figli, orientamento alla solidarietà e all’impegno

Azione 3 _ Formazione di volontari del sorriso con i bambini
Obiettivi specifici:

Formare i volontari dell’associazione Glicine interessati all’animazione con i bambini e gli adolescenti .

Rinforzare il gruppo dei volontari dell’associazione a disposizione per il servizio di animazione e baby sitting durante gli incontri pubblici dell’associazione

Modalità di erogazione e di accesso del servizio, attività di supporto e connessione con altri settori, Centri di servizio, altri soggetti:

Realizzazione di 2 giornate di formazione della durata di 6 ore presso Habilandia struttura messa a disposizione gratuitamente dal Comune di San Lazzaro secondo la metodologia dei volontari del sorriso dell’associazione Ridere per Vivere.

Tipologia delle risorse umane impiegate e loro ruolo:
1 docente formatore dell’Associazione Ridere per Vivere per ogni incontro
1 volontario del glicine per la progettazione, il coordinamento, preparazione, la pubblicizzazione presso gli altri volontari